Categorie
Economia News

Il 2° maggiore produttore di latte degli USA dichiara fallimento

29 gennaio 2020, Stenos.it – Esulta l’associazione NO PROFIT FRECCIA 45 da sempre in prima linea nella tutela e difesa degli animali, alla notizia che il colosso Borden Dairy Co (il 2° maggiore produttore di latte degli USA) ha dichiarato bancarotta.

FRECCIA 45 sottolinea come la costante diminuzione di richiesta, la perdita di sponsor, la dimostrazione scientifica che il latte NON contribuisce a rendere le ossa in salute, ma, all’opposto, il consumo di latte e derivati è strettamente connesso all’obesità, al diabete, problemi al cuore e talune forme di cancro, nonché gli attacchi all’industria casearia per l’inquinamento delle acque causato e la devastazione dei terreni decretano la caduta del secondo colosso: Borden Dairy Co.

L’industria casearia negli USA sta perdendo 1 miliardo di dollari all’anno (dati di “Dairy Farmers of America” sugli incassi dell’industria casearia: $14.7 miliardi nel 2017, $13.6 miliardi nel 2018) contro un aumento del 61% di domanda di latte vegetale negli ultimi 5 anni negli USA.

mucca, latte, freccia

Il costante aumento di domanda del latte vegetale, è dato dalla maggiore sostenibilità, il vegan milk è amico dell’ambiente ed è più salutare.

Il 65% della popolazione mondiale è intollerante al lattosio.

La domanda di latte vegetale arriverà a rendere 29,6 miliardi di dollari entro i prossimi 3 anni.

Un allevamento intensivo di 2.500 mucche da latte produce la stessa quantità di rifiuti di una città di 411.000 persone (United States Environmental Protection Agency).

(Fonti: CNN https://edition.cnn.com/2020/01/06/business/borden-dairy-bankruptcy/index.html, New York Times https://www.nytimes.com/2020/01/06/business/borden-milk-bankruptcy.html, Forbes https://www.forbes.com/sites/louisbiscotti/2020/01/08/borden-heads-into-bankruptcy-charts-new-course/)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.