Categorie
News Salute&Bellezza Turismo

Il brand Save the Duck e il surfista azzurro Roberto d’Amico insieme per pulire le spiagge e i mari d’Italia

(Ladispoli (RM) – stenos.it) – Save The Duck, brand animal-free, supporta con entusiasmo il progetto #Robycleanup di Roberto D’Amico, uno dei volti più celebri del surf italiano e atleta della Nazionale Italiana.
L’iniziativa organizzata dal surfista romano vuole sensibilizzare l’attenzione delle persone verso l’ambiente e i nostri mari in un percorso di educazione che comincia dai più piccoli gesti, come la raccolta di rifiuti.

In occasione dell’International Surfing Day, che si celebra sabato 20 giugno, Roberto D’Amico sarà impegnato a Ladispoli per ripulire le spiagge e i mari del lungomare Marina di Palo.
Durante il lockdown, durato oltre due mesi e causato da un’emergenza sanitaria senza precedenti, la natura si è espressa nella sua totale bellezza e la libertà degli animali di avventurarsi in luoghi inaspettati ha meravigliato tutti. La Fase 2, con la libera circolazione e la riapertura di molte attività, ha fatto riaffiorare alcuni dei problemi a cui ci eravamo ormai tristemente abituati e che affliggono l’ecosistema.

Roberto D’Amico ha scelto di ripartire da qui e a supportare il suo progetto è entrato in gioco anche Save The Duck, brand italiano che ha come valore principale la difesa degli animali e della natura.
“Abbiamo tutti un luogo a cui teniamo particolarmente e chi mi conosce se che la mia base è Ladispoli, e li sarà il cuore di questa seconda edizione del #Robycleanup. Invito tutti a partecipare, ovunque vi troviate, per una pulizia generale delle spiagge italiane. Uniti, possiamo fare la differenza.” afferma Roberto D’Amico.

Roberto D’Amico, un atleta a tutto tondo

Per incoraggiare gli sforzi dei partecipanti, che prenderanno parte all’iniziativa sul lungomare Marina di Palo a Ladispoli, i rifiuti raccolti potranno essere utilizzati come moneta di scambio per ottenere dei servizi. A fianco di Roberto D’amico ci sono Spaghettis, i barbieri sulla spiaggia disposti a tagliare i capelli in cambio di rifiuti raccolti e il bar Malecon, che offrirà bevande in cambio di sacchi pieni di plastiche e rifiuti inquinanti. Inoltre, ci saranno gadget per tutti i partecipanti, offerti dagli sponsor coinvolti nel progetto tra cui Save The Duck, Andrea Zonetti (Global Family Banker di Banca Mediolanum), Miniwiz, Reef, Breitling, Ventura e Everyseangleday.
“Dobbiamo imparare a vivere nel rispetto dell’ambiente, aprendo gli occhia a chi ancora continua a sbagliare, inconscio del l’impatto delle sue azioni. L’educazione, credo, debba essere divertente e coinvolgere anche coloro che il mare non lo vivono ogni giorno o non lo amano quanto noi.“ dichiara il campione di surf.
L’hashtag lanciato per documentare la pulizia delle spiagge è  #Robycleanup e per essere ricondivisi sul profilo di Roberto D’Amico basterà taggare il suo profilo Instagram – @robydamico.
Solo insieme è possibile apportare un cambiamento positivo per migliorare e proteggere la condizione dell’ecosistema che ci circonda. Diamo il buon esempio sabato 20 giugno in tutte le spiagge d’Italia.

Chi è Save The Duck

L’azienda di abbigliamento Forest (oggi Save The Duck) nacque nel 1914 grazie allo spirito imprenditoriale di Foresto Bargi che inizia la sua carriera come sarto cucendo giacche da uomo per un compenso di soli 70 centesimi. Oggi l’azienda è guidata da Nicolas Bargi, nipote di Foresto e membro della terza generazione di imprenditori. Nel 2011 Nicolas ha creato il brand Save the Duck prefissandosi un importante impegno: offrire ai consumatori un prodotto che rispettasse animali, ambiente e persone. Oggi Save the Duck è un brand rinomato a livello internazionale e continua a crescere esponenzialmente.

Ladispoli, save the duck, Roberto D’Amico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *