Picture
Stenos
Stenos

e-mail  stenos@stenos.it

e-mail  stenos@stenos.it

Pubblicita???  Invia una e-mail a stenos@stenos.it sarai ricontattato

[Home] [Cronaca_nera] [Interni] [Speciali] [Curiosità] [Turismo] [Cultura] [Storia] [Notizie] [Inchieste] [Approdondimenti] [Sport] [Scienza_Ambiente]

CRONACA NERA

COLLABORA CON STENOS!  invia filmati, testimonianze scritte o audio e verranno pubblicati GRATUITAMENTE

28 marzo 2010

UOMO  AL CIMITERO DEL VERANO RUBAVA DALLE LAPIDI FOTO DI DONNE IN GIOVANE ETALA MACABRA SCOPERTA FATTA DAI SERVIZI CIMITERIALI DELLAMA ROMA I Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo hanno denunciato un cittadino romano di 40 anni, incensurato per un insolito tipo di furto: luomo rubava dalle lapidi del cimitero monumentale del Verano le fotografie raffiguranti donne in giovane età. A fare la macabra scoperta è stato il personale dei servizi cimiteriali dellAMA Roma Spa (Azienda Municipale Ambiente) che ha avvisato i Carabinieri. I militari, con la collaborazione dellAMA, dopo alcuni servizi disposti ad hoc, in abiti civili, allinterno del Cimitero Monumentale della Capitale, hanno individuato il 40enne aggirarsi con fare sospetto tra le tombe e dopo averlo seguito lo hanno sorpreso mentre con un cacciavite stava tentando di rubare lennesima fotografia dalla lapide appartenente ad una giovane ragazza scomparsa recentemente. I Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo, nel corso della perquisizione presso labitazione dello strano ladro hanno trovato le altre fotografie rubate che sono state restituite ai parenti delle defunte.

Sequestrati 3 milioni e mezzo di prodotti illegali. Riscontrata la presenza di solventi chimici nocivi alla salute. Denunciata un’imprenditrice cinese - Chi produce, importa, commercia prodotti contraffatti e non rispondenti agli standard di sicurezza non merita di stare all’interno della filiera produttiva e commerciale. Le regole del gioco sono chiare, vanno rispettate e sono valide per tutti. A padova e provincia sul loro rispetto veglia un’intera comunità con un progetto pioneristico di pulizia del mercato, collegando una molteplicità di forze, professionalità, banche dati. L’ultimo intervento, in ordine di tempo, è solo di pochi giorni fa. I militari delle fiamme gialle una volta entrati in due distinti magazzini della zona industriale di padova, hanno sequestrato 3 milioni e mezzo di articoli illegali, tutti rigorosamente fabbricati in cina. Circa 4 tonnellate di merce sprovvista dei benché minimi requisiti di commercializzazione. Nessuna indicazione sul produttore, sull’importatore, sulla composizione; solo alcuni ideogrammi sparpagliati sui grandi colli di cartone e nulla più. Cosmetici, “stick incense”, giocattoli, bijoux, monili e accessori di ogni tipo:, dalle collane ai braccialetti recanti immagini sacre, dalle paillettes ai portachiavi, dai peluche ai tatuaggi adesivi, fino alle unghie finte. Sono stati rinvenuti anche dei giocattoli a funzionamento elettrico dotati di piccoli dispositivi per l’alimentazione fotovoltaica al posto delle più tradizionali batterie stilo da 1,5 volt.  Campioni delle merci sequestrate sono stati consegnati ai laboratori chimici dell’arpav, dell’università di padova e dell’ulss 16 per l’effettuazione di analisi sulla loro tossicità. Dalle prime relazioni tecniche pervenute emerge un quadro preoccupante: -Nella sostanza collante usata come fissante delle “nail art” sequestrate è risultata presente un elevatissima concentrazione di toluene (un solvente chimico), pari a 347.646 milligrammi per chilogrammo. Tale contenuto appare largamente al di sopra dei limiti di legge per le colle e potrebbe configurarsi come un potenziale rischio se applicato sulla cute , dato il possibile assorbimento per via cutanea. Da tenere presente che il prodotto è indirizzato ad una popolazione sensibile quale sono i bambini.-Nei “tatoo stickers” sequestrati è stato invece rilevato un elevato quantitativo di piombo, pari ad un massimo di 3,6 milligrammi per chilogrammo, valore superiore al limite fissato dalla normativa europea vigente in materia (2 mg/kg); È stato ricostruito il percorso della merce: trasportata dalla cina a mezzo container caricati su navi fino ai porti di venezia, trieste e genova. Il valore complessivo dei beni si aggira, sui 4 milioni di euro. All’atto dell’immissione nel circuito di vendita al dettaglio, gli articoli in questione avrebbero potuto fruttare almeno il triplo al grossista.

OPERAZIONE ANTIDROGA DEI CARABINIERI IN VARI QUARTIERI DELLA CAPITALE. 4 PUSHER IN MANETTE, UNA PERSONA DENUNCIATA. SEQUESTRATE CENTINAIA DI DOSI DI COCAINA, MARIJUANA, HASHISH E KETAMINA. Nelle ultime ore i Carabinieri di Roma, nellambito dei servizi mirati a contrastare lo spaccio ed il consumo di droghe soprattutto tra i giovani che alimentano la movida del fine settimana, hanno arrestato 4 persone, denunciandone unaltra a piede libero, sorprese in possesso di dosi di stupefacenti pronte per essere consumate. Le zone interessate dalloperazione sono state quelle del Pigneto, San Paolo, Celio, San Giovanni, Colosseo, Prenestino e Forte Tiburtino. I militari hanno sorpreso i 4 pusher mentre stavano contrattando con i loro clientiil prezzo di alcune dosi di stupefacenti: in particolare un romano di 53 anni è stato pizzicato mentre, a pochi passi dalla sua abitazione, stava vendendo cocaina ad un ragazzo di 29 anni. Nella casa del pusher i Carabinieri hanno sequestrato 200 grammi di polvere bianca, circa 2.000 euro in contanti ritenuto provento dellillecita attività ed il materiale utile al confezionamento delle dosi. Un vasto campionario di droga è stato sequestrato dai Carabinieri durante i controlli effettuati in zona Colle Oppio, Villa Celimontana, piazza di Porta San Giovanni e Colosseo: in questo caso sono state sequestrate numerose dosi di cocaina, hashish, marijuana e ketamina. Decine le segnalazioni che i Carabinieri hanno inoltrato allUfficio Territoriale del Governo per indicare giovani, e meno giovani, sorpresi con modiche quantità di droga, in qualità di assuntori abituali di sostanze stupefacenti. Gli arrestati sono stati trattenuti in caserma in attesa delle decisioni dellAutorità Giudiziaria.

SCATENATO TOPO DAUTO IN AZIONE NELLA NOTTE ARRESTATO DAI CARABINIERI. ROMA Estato sorpreso dai Carabinieri della Stazione Roma Garbatella, con la collaborazione dei militari dellEsercito impiegati nellambito delloperazione Strade Sicure, subito dopo aver asportato unautoradio dallabitacolo di unauto in sosta nei pressi della stazione ferroviaria Ostiense. Quando è stato bloccato il ladro, un pregiudicato romano di 51 anni, è stato trovato in possesso di unaltra autoradio, trafugata pochi istanti prima da un veicolo parcheggiato nelle vicinanze di quello appena visitato. Per luomo è scattato larresto con laccusa di furto aggravato e laccompagnamento in caserma, dove rimarrà in attesa di essere sottoposto al rito direttissimo.

CARABINIERI ARRESTANO 2 BULLI CHE RAPINANO COETANEO I Carabinieri della Stazione di Roma Monte Mario, hanno arrestato due studenti romani di 18 e 20 anni, già pregiudicati, resisi autori di una rapina ai danni di un loro coetaneo allinterno della Stazione Ferroviaria di Monte Mario, ieri sera tardi. La vittima anche lui, uno studente romano, se ne stava per i fatti suoi quando i due lo hanno avvicinato e lo hanno aggredito allo scopo di rubargli li-pod e i soldi che aveva in tasca. I Carabinieri, presenti in stazione sono subito intervenuti e hanno bloccato in flagranza i rapinatori che sono stati condotti a Regina Coeli.

MOVIDA CARABINIERI ARRESTANO SPACCIATORE A CAMPO DE FIORI, SEGNALATO AL PREFETTO LACQUIRENTE I Carabinieri della Compagnia Roma Centro hanno arrestato, questa notte, un pusher afgano di 23 anni sorpreso a spacciare hashish e marjuana a piazza Campo de Fiori. I militari impegnati di pattuglia nella zona hanno visto che lo straniero stava cedendo qualcosa ad un giovane italiano e sono intervenuti. Il pusher, che aveva appenda intascato dei soldi per 2 grammi di marijuana ceduti ad un ragazzo italiano di 22 anni, aveva nelle tasche ulteriori dosi di hashish e marijuana. I Carabinieri lo hanno arrestato per detenzione e spaccio di stupefacenti mentre lacquirente è stato segnalato al Prefetto quale assuntore.

IN POCHE ORE I CARABINIERI ARRESTANO 6 PERSONE. PER FURTO E RAPINA Nelle ultime ore i Carabinieri di Roma, nellambito dei servizi mirati a contrastare i reati contro il patrimonio, hanno arrestato 6 persone, di età compresa tra i 37 e i 54 anni, che dovranno rispondere a vario titolo di furto e rapina. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato in via Porta Cavalleggeri, nei pressi di piazza San Pietro, una 47enne originaria della Bosnia-Erigovina che aveva appena rapinato, di alcuni effetti personali, una cittadina romena 34enne, aggredendola alle spalle. Sempre i militari del Nucleo Radiomobile di Roma, in viale Trastevere hanno bloccato un 54enne della provincia di Trento, sorpreso a rubare alcuni oggetti dallabitacolo di una vettura in sosta. In via degli Annibaldi, in centro, un altro topo dauto che stava rubando a bordo di una macchina parcheggiata, è stato bloccato dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma San Pietro. Si tratta di un pregiudicato francese di 53 anni. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Montesacro hanno arrestato una cittadina peruviana di 44 anni, che dopo avere portato via alcuni capi dabbigliamento dagli scaffali di un negozio di via Ugo Ojetti, per guadagnarsi la via di fuga, ha aggredito e picchiato laddetto alla sicurezza. I Carabinieri della Stazione di Roma Aventino hanno fermato un cittadino romeno di 37 anni pregiudicato, che allinterno di un supermercato di via Bove, vicino Piramide, aveva rubato numerose bottiglie di superalcolici. Infine i Carabinieri della Stazione di Roma di Villa Bonelli, in collaborazione con i Carabinieri dell8° Reggimento Lazio hanno sorpreso e arrestato un pregiudicato di 44 anni, originario della Tunisia, mentre si stava indebitamente appropriando di un motociclo di grossa cilindrata parcheggiato in via della Magliana. Saranno tutti giudicati con rito direttissimo.

I CARABINIERI DENUNCIANO 5 ROMENI PER ASSOCIAZIONE PER DELINQUERE FINALIZZATA ALLO SFRUTTAMENTO DELLA PROSTITUZIONE. GRAZIE ALLA VICINANZA E ALLINCORAGGIAMENTO DI UN SUO CLIENTEUNA PRETTY WOMANDELLEST SI RIBELLA AI SUOI AGUZZINI. ROMA I Carabinieri della Stazione di Roma Gianicolense, hanno messo la parola fine allincubo di una giovane 25enne di origine romena, costretta a prostituirsi sulla via Tiburtina da una famiglia di connazionali. La ragazza, che ha avuto la forza di ribellarsi e di denunciare la sua condizione ai Carabinieri, grazie anche alla vicinanza e allincoraggiamento di un suo cliente, rimasto sconosciuto, con il quale la Pretty Womansi è confidata, ha raccontato ai militari di essere stata attirata in Italia da un connazionale con la promessa di un lavoro serio e sicuro. La giovane ha riferito, di essere riuscita con non poche difficoltà a fuggire dalla Romania, dove la famiglia di origine laveva segregata per proibirle di giungere in Italia, evidentemente consapevole di cosa avrebbe spettato alla 25enne. Infatti arrivata a Bologna, dove ad attenderla vi erano due connazionali, fratello e sorella di 19 e 21 anni, considerati amicima che presto si sono trasformati in aguzzini, è stata avviata immediatamente alla prostituzione per poi arrivare a Roma dove è stata accolta dal resto della famiglia: padre, madre e figlia, che dopo averle sequestrato i documenti, provvedevano quotidianamente, anche nelle ore diurne, ad accompagnarla sul posto di lavoro. A seguito della denuncia, sono partite le indagini della Stazione Carabinieri di Roma Gianicolense, le cui risultanze hanno portato alla liberazione della giovane e alla denuncia a piede libero dei 5 componenti della famiglia, tutti appartenenti al campo nomadi di via Luigi Candoni. Dovranno rispondere di associazione per delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione.

 

stenos.it

Chiaro & Scuro... commenti pungenti

I video di stenos.it

- “Mata Hari, una Spia o una Vittima?” (“Mata Hari, a Spy or a Victim?” - "Mata Hari, un Espion ou une Victime?" - "Mata Hari, una Espía o una Víctima?" - "Mata Hari, ein Spion oder ein Opfer?")

- “6 Giugno 1944, il D-Day, lo Sbarco in Normandia” (“June 6 th 1944, the D-Day, the Unloading in Normandie” - “Le 6 juin 1944, le D-Day, le Débarquement en Normandie" - "El 6 de junio de 1944, el D-Day, el Desembarque en Normandía" - "6. Juni 1944 der D-Day die Ausschiffung in Normandie")

- “Gianni Caproni, il padre dell’Aeronautica italiana” - Gianni Caproni, the father of the Italian aeronautics - Gianni Caproni, el padre de la aeronáutica italiana - Gianni Caproni, der Vater der italienischen Luftfahrt - Gianni Caproni, le père de l'Italienne aéronautique